Notizie e approfondimenti sul clima che cambiaPosts RSS Comments RSS

Aperte le votazioni per il premio “A qualcuno piace caldo 2008”

Il raggiungimento del minimo del ghiaccio marino artico, avvenuto nei giorni scorsi, segna l’avvio delle votazioni del Premio annuale assegnato da Climalteranti “alla persona o all’organizzazione italiana che più si è distinta nel diffondere argomentazioni e notizie errate sulla fenomenologia dei cambiamenti climatici, sugli impatti e sui costi e benefici delle misure di mitigazione” .

I candidati Franco Battaglia, Riccardo Cascioli e Antonio Gaspari, Elio Sindoni, Roberto Vacca e Antonino Zichichi sono stati scelti da Comitato Scientifico fra tutte le segnalazioni pervenute.

Si puo’ votare in questa pagina

Le votazioni come da regolamento del premio dureranno fino al 13 dicembre.

28 responses so far

28 Responses to “Aperte le votazioni per il premio “A qualcuno piace caldo 2008””

  1. Paolo C.on Set 20th 2009 at 10:58

    se dico che questa storia del ‘premio’ è la cosa che gradisco meno di questo sito, mi censurate?

  2. Vincenzoon Set 20th 2009 at 11:20

    Ma no, perchè, a me sembra simpatica, un modo per alleggerire…

  3. Enricaon Set 21st 2009 at 09:36

    Ho votato Cascioli e Gaspari
    Una volta ho dato un occhiata in libreria a quel libro.. allucinante
    Se la prendono con Al Gore perché è a favore del diritto di aborto

  4. Toufon Set 21st 2009 at 22:11

    Voto Battagli e Gaspari

  5. Teo Georgiadison Set 22nd 2009 at 09:52

    Sono abbastanza arrabbiato perche’ nessuno si ricorda mai di me (bipartisanamente), peraltro non sarebbe corretto se mi proponessi da solo.
    Si vede che proprio non mi considera nessuno
    teo

  6. Claudio Costaon Set 22nd 2009 at 13:28

    @ Vincenzo

    “Ma no, perchè, a me sembra simpatica, un modo per alleggerire”

    A me invece sembra un processo senza difesa, dove l’accusa si avvale di ironia e di sarcasmo gettata a pioggia dall’alto del suo scranno.

  7. oca sapienson Set 22nd 2009 at 15:28

    Ce l’avete con gli anziani; ricandidate un pluripremiato per scoraggiare le new entries; non c’è neanche una donna come se non fossimo altrettanto brave a copiare: osate eliminare il prof. Gerelli che ha tutto da insegnarvi. In economia i modelli di previsione non fanno _mai_ semplificazioni eroiche e sono più accurati di quelli climatici. Lo abbiamo visto tutti che il Dow Jones ha continuato a salire, mica come le vostre temperature! Be’,ripiego su un altro candidato, ma non è giusto.

  8. NoWayOuton Set 22nd 2009 at 17:36

    Sono daccordo con oca sapiens; ci vorrebbe un criterio di non rieleggibilita’ per almeno un tot di anni, altrimenti un outsider vince sempre.

    Quindi il mio voto va al Prof. Sindoni. Non mi dilungo sulle motivazioni (anche se andrebbe aggiunta l’ingenuita’ di pensare che l’innalzamento dei mari debba essere uniforme, chissa’ perche’ …), solo una piccola difesa del “mio” candidato: la battuta sul maglionicino non e’ sua ma del giornalista, non e’ virgolettata 😉

    P.S. Nella pagina delle candidature ll link al pdf dell’articolo non funziona; quello corretto e’ http://www.ilgiornale.it/pag_pdf.php?ID=85249

  9. Claudio Costaon Set 22nd 2009 at 22:06

    @ nowayout

    Processo senza difesa!

    L’errore è nel titolo ( ne abbiamo visti altri : vedi la vicenda Mainardi rondini su climate monitor)
    Sui livelli del mare il senso era (secondo me) che non crescono più del previsto, non ci sono accelerazioni, anzi se andiamo a vedere le peer review

    http://meteo.lcd.lu/globalwarming/Holgate/sealevel_change_poster_holgate.pdf
    Holgate, S. J. (2007), On the decadal rates of sea level change during the twentieth century, Geophys. Res. Lett., 34, L01602, doi:10.1029/2006GL028492.

    L’innalzamento annuo potrebbe essere stato inferiore 1,5 mm nella seconda metà del novecento rispetto alla prima metà 2 mm ( non certo per colpa dell’uomo)

    se pensi ai 6 metri di Al gore…

    Che premio date ad Al Gore: le Ecoballe d’oro?

  10. Claudio Costaon Set 22nd 2009 at 22:25

    e a Ban Ki-moon?

    “Ban Ki-moon ha detto che “abbiamo meno di dieci anni per evitare gli scenari peggiori” causati dal surriscaldamento del pianeta. Il segretario generale, recentemente in missione al Polo Nord, ha anche avvertito che “sull’Artico i ghiacci potrebbero sparire entro il 2030 e le conseguenze sarebbero sentite dai popoli di ogni continente”.

    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_1673949905.html

  11. NoWayOuton Set 22nd 2009 at 22:34

    @Costa

    Mi riferivo a questa frase:
    «Eppure il Pacifico cresce a ovest e diminuisce a est e l’Indiano fa il contrario»
    Chiaramente non era un riferimento relativo ma assoluto. Ma anche se fosse relativo il discorso non cambia, ha scambiato gli oceani per una vasca da bagno 😀

  12. Maurizio Morabitoon Set 23rd 2009 at 11:59

    @Teo: e’ colpa tua. Te lo avevo detto, io, di sederci fra i Distinti, ma tu no, fissato con la Curva…

    tsk tsk

    ps ho votato Sindoni, un po’ di pubblicita’ ai meno noti non fa mai male

    pps ma ad Obama che parla di “more powerful storms” in un periodo di “low record ACE” neanche un “Golden Tapir”?

  13. Claudio Costaon Set 23rd 2009 at 13:05

    @ nowayout

    “Mi riferivo a questa frase:
    «Eppure il Pacifico cresce a ovest e diminuisce a est e l’Indiano fa il contrario»
    Chiaramente non era un riferimento relativo ma assoluto. Ma anche se fosse relativo il discorso non cambia, ha scambiato gli oceani per una vasca da bagno”

    Devo fare due premesse:

    – l’articolo è pessimo, il titolista e il giornalista scrivono inesattezze e usano toni scandalistici ( direi tipico del giornale, ma questo è un giudizio personale)

    – le frasi di Sindoni sono estrapolate da un discorso generale e prese singolarmente hanno poco senso e si rischia di male interpretarle.

    Detto questo la metafora della vasca da bagno è bella ma è sbagliata, perchè se fosse un’ondulazione dell’acqua (tipo vasca da bagno) prima si dovrebbe abbassare e poi alzare ma nello stesso punto prima , però Sindoni dice un’altra cosa. Come saprai il livello del mare non è lo stesso in tutti i punti, ci sono differenze anche di metri, dovute ai campi gravitazionali, alle differenze di temperature e di pressione, correnti ecc quindi si rischia di valutare un innalzamento di una parte dell’oceano, quando invece da un altra parte dello stesso oceano si abbassa, e quindi il volume non cambia.
    Infatti il livello del mare è molto difficile da misurare, bisogna fare ovviamente delle medie, elaboratrle ecc…

    e cosa risulta?

    che la crescita più lenta dovuta proprio alla dilatazione per il riscaldamento e allo scioglimento dei ghiacci terrestri, ci fu proprio negli anni 60, in pieno boom economoico con l’ascesa della CO2 antropogenica.

    Sarà mica stato il sole?

  14. Paolo C.on Set 23rd 2009 at 14:02

    @costa

    ammesso che sia così (non ho verificato), non ci vedo nulla di strano: gli effetti dellla CO2 non sono istantanei, né lineari.
    Mai sentito parlare di “internal climate variability”?

    http://www.metoffice.gov.uk/climatechange/policymakers/policy/slowdown.html

  15. Claudio Costaon Set 23rd 2009 at 14:19

    @ Maurizio Morabito

    ad Obama casomai the golden fox, che quello è furbo, non è lì per caso ( o per eredità)!

    http://www.corriere.it/editoriali/09_settembre_23/gaggi_b7361026-a7fe-11de-94a2-00144f02aabc.shtml

    In facciata è ambientalista, poi manda avanti Stern (Todd da non confondere con N Stern padre del catastrofismo climatico economico) a dire che non prenderanno nessun impegno, magari faranno leggi sul risparmio energetico e sulla differenziazione delle fonti ( e chi non le farebbe)

  16. Claudio Costaon Set 23rd 2009 at 14:23

    @ Paolo C

    E io rilancio la domanda:
    non sarà mica il sole?

    http://www.wpsmeteo.it/index.php?ind=news&op=news_show_single&ide=318

  17. Stefano Caserinion Set 23rd 2009 at 14:33

    @Teo
    Sono abbastanza arrabbiato perche’ nessuno si ricorda mai di me (bipartisanamente), peraltro non sarebbe corretto se mi proponessi da solo.
    Si vede che proprio non mi considera nessuno

    Certo che anche tu, Teo, ci metti del tuo.
    Sono molti mesi ormai che non leggo un tuo pezzo con qualche affermazione da segnalare.
    Insomma, dai, qualcosa sul ghiaccio che aumenta, le temperature che sono stabili, il medieovo molto più caldo …
    E poi mi hai chiuso la lista Clima e Dintorni
    Se facessero tutti come te Climalteranti chiuderebbe…

  18. Maurizio Morabitoon Set 23rd 2009 at 16:05

    Clima e Dintorni e’ viva e vegeta. Chi e’ interessato me lo faccia sapere

    maurizioATmorabitoDOTname

  19. Paolo C.on Set 23rd 2009 at 17:37

    @Costa

    caro Costa, non trovo riferimenti nel web allo studio da lei citato, eccettuati i suoi e quelli di persone di sua conoscenza. A questo punto mi sorgono spontanee tre ipotesi:

    – lo studio non afferma quanto i vostri articoli sostengono:

    – lo studio è in errore, o, viceversa, non aggiunge nulla di nuovo alle conoscenze attuali (quindi non ha avuto risalto internazionale);

    – esiste un complotto globale sull’AGW di proporzioni immani.

    La 1, la 2 o la 3? 😉

  20. NoWayOuton Set 23rd 2009 at 19:35

    @Costa

    Sarebbe bello se ci fosse un post sul livello del mare su cui discutere dei modi di misurarlo ed i conseguenti risultati.
    Ma l’argomento di questo post e’ un’altro e a questo propostito devo dire che sono pienamente daccordo con te sul rischio di giudicare sulla base di singole frasi citate da un giornalista.
    Ma contrariamente a te non prendo questa votazione come un processo e l’ho presa un po’ piu’ alla leggera.

    P.S. la metafora della vasca da bagno era propio per dire che era sbagliata 😉

  21. Claudio Costaon Set 23rd 2009 at 20:27

    @ Paolo
    ???
    a cosa ti riferisci? al livello dei mari o al sole?
    ho dato tutti i link

    cmq

    mare:

    http://meteo.lcd.lu/globalwarming/Holgate/sealevel_change_poster_holgate.pdf
    Holgate, S. J. (2007), On the decadal rates of sea level change during the twentieth century, Geophys. Res. Lett., 34, L01602, doi:10.1029/2006GL028492.

    sole (il riferimento era nel mio articolo su wpsmeteo)

    http://www.space.dtu.dk/upload/institutter/space/research/reports/scientific%20reports/isac_final_report.pdf
    Freddy Christiensen, Danish National Space Center Joanna D. Haigh, Imperial College Henrik Lundstedt, Swedish Institute of Space Physics “Influence of Solar Activity Cycles on Earth’s Climate Final Report Task 700 Summary Report” ESTEC Contract no. 18453/04/NL/AR Issue 1, September 4, 2007 Danish National Space Center Scientific Report 2/2007

    In pratica lo stato dell’arte sulla questione.

  22. Maurizio Morabitoon Set 24th 2009 at 01:52

    @Costa

    Perche’ non ci prepariamo anche noi, per l’AQPC 2009?

    Per esempio basta riprendere l’articolo dell’Ing. Vacca, aggiungere i vigneti dell’Inghilterra (c’erano), gli errori dell’Hockey Stick (ci sono); e il raffreddamento della troposfera (si trova, si trova…come dimostrato dal recente miracoloso articolo del Met Office riguardo i raffreddamenti una volta ogni otto decadi, in campo climatico si trova sempre TUTTO quello che si vuole).

    Magari per il 2010 ci sara’ anche una piccola cerimonia di consegna del premio, con tanto di saluti e ringraziamenti da parte dei vincitori, foto pubblicata su tutti i giornali? Una famosa attrice come Madrina della manifestazione…non vedo l’ora!!!

  23. Paolo C.on Set 24th 2009 at 10:03

    @Costa

    mi riferivo al sole, ma anche l’altro studio non mi sembra aver avuto particolare eco.

    —-

    Intanto nuovo studio su Nature sull’assottigliamento dei ghiacciai della Groenlandia e dell’Antartide (rielvazioni fornite dai satelliti):

    http://www.sciencedaily.com/releases/2009/09/090923143331.htm

    http://www.nature.com/nature/journal/vaop/ncurrent/full/nature08471.html

  24. Claudio Costaon Set 24th 2009 at 12:38

    @ Paolo C.

    e da cosa dipende il particolare eco?

    Ad es Antonio dice che Scafetta non se lo fila nessuno eppure è andato all’EPA

    http://www.climatemonitor.it/?s=le+variazione+decadali+sole

    Oppure la Georgieva Secondo cui l’ effetto del sole sul clima si suppone che sia attraverso:
    – la modulazione del flusso di raggi cosmici e dei raggi ultravioletti che colpiscono l’ozono stratosferico
    – e / o la formazione di aerosol di ionizzazione che fungono da semi di nebulizzazione,
    – e / o con la modifica del circuito elettrico globale
    – e, infine, a causa della variazione della trasparenza dell’atmosfera.
    Tuttavia, il meccanismo non è chiaro, e non è incluso nei modelli di simulazione del clima ma è possibile che il ruolo del sole nel cambiamento globale sia molto più importante di quello accettato finora.

    http://www.climatemonitor.it/?p=1849

    Ha avuto una particolare eco?

    No!

    ne hanno parlato solo su climate monitor…eppure parlò davanti a tutti a Copenaghen

  25. Claudio Costaon Set 24th 2009 at 13:15

    @ Paolo C

    oppure Svensmark che sempre per Antonio è stato dimenticato da 3 anni negli USA, eppure andrà a fare un esperimento al Cern, e ha appena pubblicato sugli effetti forbush e i raggi cosmici

    http://www.wpsmeteo.it/index.php?ind=news&op=news_show_single&ide=878

    mentre la critica di realclimate a Svensmark è stata presa in analisi qui

    http://www.wpsmeteo.it/index.php?ind=news&op=news_show_single&ide=880

    Sui ghiacci: in effetti nessuno conosce la dinamica dello scioglimento, perchè nesuno l’ha mai osservata

    http://www.wpsmeteo.it/index.php?ind=news&op=news_show_single&ide=934

  26. Claudio Costaon Set 24th 2009 at 13:29

    @ Maurizio

    Certo che ne andrei fiero di un premio del genere,….però io ho un brutto carattere : mi accanisco!

    In realtà penso di non essere all’altezza del premio, non sono nemmeno candidabile perchè non scrivo sui quotidiani, men che meno faccio ricerca, ho fatto solo qualche articolo su un portale meteo.

    “ogni dragone genera un San Giorgio che lo uccide”

  27. Enricaon Set 24th 2009 at 15:20

    @ Costa però io ho un brutto carattere : mi accanisco!

    Le assicuro che questo si era capito

  28. Claudio Costaon Set 25th 2009 at 13:58

    @ Enrica

    Già

    http://www.wpsmeteo.it/forum/index.php?topic=1454.msg24634#msg24634