Notizie e approfondimenti sul clima che cambiaPosts RSS Comments RSS

Politica climatica italiana: c’è tempo fino a dicembre per cambiare posizione

La situazione economica mondiale non favorisce gli investimenti finalizzati alla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) ma la dichiarazione del Presidente della Commissione europea Barroso alle richieste rilasciate settimane fa da alcuni esponenti del Governo italiano non lascia dubbi: “Nessuna flessibilità per gli obiettivi di riduzione delle emissioni”.

Del resto non potrebbe essere altrimenti su un tema in cui da diversi anni l’Unione europea ha assunto una netta leadership, riuscendo anche per la sua fermezza a divenire un importante riferimento nel panorama internazionale.
Molteplici sono gli esempi in tal senso, a partire dal memorabile discorso di insediamento del Presidente francese Sarkozy che nel ribadire l’amicizia storica con gli alleati americani li richiamava con forza ad assumere un ruolo di guida e riferimento nella lotta ai cambiamenti climatici.
Non è stata da meno Angela Merkel che ha posto questo tema tra le priorità assolute del suo Governo e del semestre di presidenza europeo e che nello storico G8 di Heiligendamm è riuscita a modificare la posizione di G.W. Bush, facendogli riconoscere pubblicamente per la prima volta la principale responsabilità dell’uomo sul riscaldamento del pianeta. Germania che non era nuova a posizioni forti e responsabili sul clima, visto che aveva già rivendicato con forza la necessità di agire, indipendentemente dalle posizioni dei paesi che ancora non aderivano a Kyoto, attraverso il suo Ministro dell’Ambiente, Sigmar Gabriel, alla Conferenza di Nairobi del 2006.
Ancora più in là è arrivato Tony Blair in Gran Bretagna, con il bravissimo Ministro dell’Ambiente e già politico di rango David Milliband, con il suo impegno formale nel 2007 a tagliare le proprie emissioni del 60% entro il 2050. A lui si è aggiunto il fratello Ed, Segretario per le nuove energie e i cambiamenti climatici, incrementando tale impegno fino al 80% proprio negli scorsi giorni, quasi a dare una indiretta ma forte risposta al Governo italiano sulle perplessità di natura economica al taglio delle emissioni.

Nel frattempo è mutato radicalmente anche il panorama extraeuropeo, a partire dall’adesione dell’Australia al Protocollo di Kyoto nel dicembre dello scorso anno.
L’annunciata mossa politica del neo premier Kevin Rudd ha isolato ulteriormente gli USA al di fuori di Kyoto e portato l’Australia a fianco dell’Unione europea in termine di impegni concreti.
Non a caso Penny Wong, Ministro con delega ai cambiamenti climatici, ha dichiarato di ufficializzare entro la fine dell’anno i propri obiettivi di riduzione dei GHG, impegno che sembra raggiungerà il valore del 25%, in piena sintonia con i livelli europei.
Anche negli USA il vento è cambiato e considerata chiusa la Presidenza USA, contestata anche per le posizioni troppo influenzate dall’industria petrolifera su questi temi, si guarda già al nuovo Presidente.
Che sia Obama o McCain sembra essere poco rilevante sul fronte dei cambiamenti climatici, visto che entrambi hanno dichiarato di voler adottare una linea politica completamente diversa dalla precedente, allineandosi invece alle tante esperienze volontarie che si stanno espandendo a macchia d’olio tra i Sindaci ed i Governatori americani e che spesso riprendono quantitativamente gli impegni di riduzione che erano previsti per gli USA dal Protocollo di Kyoto .
È già pronta anche un progetto di legge, promesso già a fine 2006 dopo le elezioni di medio termine da un trio di Senatori capitanato da Barbara Boxer, che replica lo schema dell’Emission Trading già in essere in Europa.
Addirittura Cina ed India, che vengono spesso additati come scusante per giustificare l’inattività di qualche paese industrializzato, riconoscono con la Bali Road Map un proprio ruolo attivo e ricevono per questo i complimenti di Yvo de Boer, Segretario dell’UNFCCC.
Del resto molti sembrano dimenticare che entrambi hanno fin dall’inizio ratificato il Protocollo di Kyoto, documento che non prevedeva però per loro nella fase iniziale alcun obiettivo di riduzione delle emissioni.

Ciò era riconosciuto anche all’interno della Convenzione di Rio dell’ONU del ’92, vista la difficile posizione dei paesi in via di sviluppo di offrire ai propri abitanti delle migliori condizioni di vita. Il documento in questione, che ha ricevuto l’adesione e la ratifica dei Paesi di tutto il mondo, richiedeva a tutti i Paesi industrializzati di fare il primo passo nella riduzione delle proprie emissioni di GHG.
In un panorama internazionale così orientato a muoversi, pur con velocità diverse, in un’unica direzione stupisce le posizioni manifestate in questo periodo da parte di alcuni esponenti del Governo italiano, a volte accompagnate anche da un’informazione che, in modo anacronistico, cerca ancora di mettere in dubbio i cambiamenti climatici e le relative responsabilità del genere umano. Sarebbe forse più apprezzabile ed un segno di importante statura politica assumersi pubblicamente le responsabilità, anche a nome dei diversi Governi precedenti, per quanto non è stato fatto fino ad oggi e per il tempo che si è sprecato.
L’unica speranza che ci resta a questo punto è che il Governo Italiano  esprima un cambio di posizione, portando l’Italia a fianco dei principali Paesi del panorama europeo ed internazionale.

Il vertice di Poznan è vicino e gli occhi di tutto il mondo, compresi quelli del nuovo Presidente degli USA saranno puntati anche su di noi.

Testo di Daniele Pernigotti

4 responses so far

4 Responses to “Politica climatica italiana: c’è tempo fino a dicembre per cambiare posizione”

  1. Deboraon Nov 7th 2008 at 00:47

    >> Che sia Obama o McCain sembra essere poco rilevante sul fronte dei cambiamenti climatici.

    Ora sappiamo che è Obama. L’Italia rischia di essere ancora più isolata, di fare la bushista senza Bush. Che tristezza.
    Ciao

  2. Stefanoon Nov 7th 2008 at 14:08

    A proposito di Obama
    Nel suo discorso del 4 novembre
    http://www.tg1articolo.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,,1067150%5E1080840,00.html
    c’è un passaggio interessante:
    “Quindi questa sera chiediamoci: se i miei figli avranno la fortuna di vivere fino al prossimo secolo, se le mie figlie dovessero vivere tanto a lungo quanto Ann Nixon Cooper, a quali cambiamenti assisteranno? Quali progressi avremo fatto per allora?”

    Se davvero ci fosse una visione lungimirante nel prossimo governo statunitense, la politica climatica mondiale ne risentirebbe parecchio.
    Stefano

  3. Deboraon Nov 7th 2008 at 23:48

    Questo dal Sole24ore di oggi

    Barack Obama ha messo in chiaro fin dalle prime parole dopo la sua vittoria la priorità che l`ambiente, la lotta all`effetto serra e la risposta alla crisi energetica avranno nella sua agenda. Perché, ha detto, siamo al cospetto di «un pianeta in pericolo». E dalle parole adesso si prepara a passare ai fatti: sta considerando, tra le primissime mosse della sua futura amministrazione, la nomina di uno “Zar” del clima e dell`energia. Una nuova posizione di plenipotenziario che coordini come mai prima l`azione di diversi ministeri, dall`Energia al Territorio a quello della Protezione ambientale. Sull`energia, inoltre, potrebbe creare anche un nuovo «consiglio di sicurezza nazionale».

    http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=33248101

  4. red snowon Nov 9th 2008 at 23:50

    “Anacronistico” o forse, per meglio dire, “fuori dal tempo”: ecco come definirei il gretto conservatorismo che sta proponendo oggi l’Italia per quanto concerne le politiche climatiche.
    Urge davvero un cambiamento di posizione, veloce, efficace: non credo che se il Governo tornasse sui suoi passi perderebbe in credibilità o si mangerebbe una grossa fetta di elettorato o di gradimento…siamo ormai abituati alle affermazioni e alle loro immediatamente successive smentite, no?
    No, sappiamo che nel contesto attuale – mediatico e sociale – il Governo ci perderebbe poco o nulla: chi ci guadagnerebbe davvero sarebbe il futuro dell’Italia.