Notizie e approfondimenti sul clima che cambiaPosts RSS Comments RSS

Accade nel 2022: il negazionismo climatico insegnato a scuola

Riceviamo segnalazioni costernate di un incontro sul tema del cambiamento climatico che si dovrebbe tenere al liceo A. Rosmini di Grosseto il 1° giugno del 2022, intitolato “Conoscenza e consapevolezza scientifica per le nuove generazioni”, i cui relatori sono tristemente noti ai frequentatori di Climalteranti per essersi distinti nella negazione del cambiamento climatico, sostenendo tesi più o meno strampalate dal punto di vista scientifico , con argomenti caratterizzati da una assoluta e ampiamente documentata faziosità.

Dal programma sembrerebbe addirittura che i relatori dovrebbero giudicare il rigore scientifico dei lavori svolti dai ragazzi.

Il rigore scientifico delle tesi sostenute dai relatori (qui alcune informazioni utili) sul tema del cambiamento climatico è variabile fra l’inesistente e il molto scarso.

Quasi tutti i relatori non sono autori di pubblicazioni scientifiche sul tema del cambiamento climatico, ma solo di libretti autoprodotti in cui hanno raccontato opinioni ampiamente sconfessate dai dati scientifici, dae pubblicazioni su riviste ad alto impatto e dai rapporti IPCC, e a tratti persino ridicole (ad esempio si veda “L’illusione dell’energia dal sole” di Franco Battaglia).

Solo uno dei relatori, Nicola Scafetta, risulta autore di pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali sul tema del cambiamento climatico, molte delle quali pubblicate su riviste di second’ordine, pesantemente criticate dagli esperti del settore per la quantità di errori presenti (si veda qui per l’ultima pesante stroncatura). Nessuna delle recenti tesi del prof. Scafetta è presa in considerazione dal Sesto rapporto di valutazione dell’IPCC.

Se dal punto di vista teorico si potrebbe discutere se, in nome della libertà di opinione, possa essere giustificato dare spazio nelle scuole a chi propaganda tesi infondate dal punto di vista scientifico, in questo caso si tratta comunque di qualcosa di diverso: un tentativo da parte di sostenitori di tesi ampiamente screditate di guadagnare credibilità aggirando il metodo scientifico e rivolgendosi direttamente al “pubblico”. Non sono ammissibili lezioni di metodo, con valutazioni specifiche verso i ragazzi, da parte di chi il metodo non sa cosa sia. E in ogni caso, fatto salvo quanto appena affermato, sarebbe sempre fondamentale garantire un minimo di contradditorio quando le tesi del gruppo di relatori selezionato è in contrasto con il consenso in cui si riconosce l’intera comunità scientifici degli esperti del settore.

In una precedente occasione, un convegno all’Univesità La Sapienza di Roma nel novembre 2018, avevamo già manifestato il nostro dispiacere verso un’istituzione che, al posto di garantire serietà nel trattare importanti questioni scientifiche e politiche, aveva dato spazio a tesi infondate.

Non possiamo quindi che chiedere alla Dirigenza scolastica di evitare di infliggere ai ragazzi le sciocchezze di chi da anni, contro ogni evidenza scientifica, nega l’esistenza dei cambiamenti climatici e la loro rilevante componente antropica. Cambiamenti che, peraltro, andranno ad gravemente proprio la vita delle nuove generazioni, chiamate pertanto a profondere il massimo impegno sul fronte della mitigazione e dell’adattamento.

Il Comitato Scientifico di Climalteranti.it

8 responses so far

8 Responses to “Accade nel 2022: il negazionismo climatico insegnato a scuola”

  1. Antonioon Mag 31st 2022 at 08:52

    dalle mie parti si dice: rob de matt
    poveri sti ragazzi…

  2. Domenico Gaudiosoon Mag 31st 2022 at 10:17

    Nel 2019 io e Federico Brocchieri siamo stati a Grosseto con Greenaccord a parlare di cambiamenti climatici ai ragazzi dei licei e degli istituti tecnici, evidentemente hanno voluto fare (ancora…) un po’ di controinformazione…

    Domenico

  3. Johnnyon Mag 31st 2022 at 13:14

    Salve avete modo di segnalarlo alla carta stampata, ai media? È una cosa assurda considerando tra l’altro che il governo a quanto mi risulta ipotizzava di inserire obbligatoriamente nelle scuole alcune ore di insegnamento delle tematiche riguardanti il riscaldamento globale e la relativa causa antropica

  4. paoloon Mag 31st 2022 at 18:05

    buonasera, anni fa ebbi modo di fare la ‘sgradita’ conoscenza del lavoro di Madrigali durante una piccola vacanza in Maremma, dove ho avuto modo di leggere il libretto da lui autoprodotto, dove riconduceva alla Luna il maggior influsso sul clima della Terra… veramente imbarazzante

  5. Giovanni Dittaon Giu 1st 2022 at 11:10

    Il livello non è molto distante da quello dei ” terrapiattisti”!

  6. turgoton Giu 1st 2022 at 20:14

    Io quest’anno al master in comunicazione delle scienze a Padova mi sono dovuto sorbire tre lezioni deliranti del professor Mirandola sul tema clima. Ore dedicate a tesi deliranti, grafici senza fonte e tanta tanta ideologia.
    E noi si paga. Altro che libertà di pensiero.

  7. Fabioon Giu 3rd 2022 at 16:09

    Sulla stampa locale l’evento (che in realtà non era stato pubblicizzato un granché) è passato quasi in sordina. Solo il vostro articolo ha destato un po’ gli animi sonnolenti di provincia. Oggi un rappresentante del PD locale è intervenuto sull’argomento, ma la maggior parte dei cittadini (a leggere i commenti) sembra ridurre la questione a un problema di “libertà di opinione”, si veda qui: https://www.facebook.com/groups/ilgiunco.net/posts/8353716044654194/

  8. Armandoon Giu 3rd 2022 at 17:33

    Una domanda: perché date rilevanza a questa iniziativa?
    Io mi ricordo quando i media (per fare un paio di esempi individuali, i Giorgio Bocca, gli Eugenio Scalfari e compagnia) erano rigorosamente negazionisti.
    Oggi il vento è cambiato e ormai la questione del cambiamento climatico e delle misure che dovremo necessariamente prendere è all’ordine del giorno nella politica e nei mezzi di informazione.
    Secondo me, la transizione non avverrà.
    Ma non perché questi personaggi continueranno la loro opera di disinformazione. Ormai non li fila più nessuno, se sono costretti a parlare in un liceo di Grosseto.
    Il punto è che Stati e Governi sono impegnati a organizzare guerre, innescare crisi finanziarie, appropriarsi con la forza ed il ricatto le risorse naturali residue.
    Il Grande Gioco è appena agli inizi.

Leave a Reply

Translate